Fai di Impresasicilia la tua homepage                     

Imprese: aziende Emilia puntano su Palermo ma Regione blocca 200 mln

14/09/2012

Due aziende di Reggio Emilia puntano su Palermo e decidono di aderire al prossimo progetto del Distretto Meccatronica. Intanto trenta imprese siciliane sono pronte a investire piu' di 20 milioni, "ma vengono bloccate dalle scelte scellerate del governo regionale". Questa e' la contraddizione del distretto meccatronica, denunciata da Confindustria Palermo. Un distretto produttivo che ha sviluppato un progetto di investimento di 22 milioni, che dara' lavoro a 400 nuovi addetti, che migliorera' la competitivita' di 30 aziende e sviluppera' sei prodotti ad altissimo contenuto tecnologico in Sicilia. Il progetto si chiama Edimec, nato dalla virtuosa collaborazione tra Confindustria Palermo, l'Universita', il Consorzio Arca, la Federazione dei Distretti produttivi. E da Reggio Emilia due aziende hanno deciso di aderire al prossimo progetto di distretto (che si chiamera' Siko) e hanno gia' aperto una sede qui a Palermo. "In un momento di crisi nera - accusano gli industriali - ci sono trenta imprenditori che si sono messi in gioco, hanno scommesso, hanno gia' pagato le fideiussioni, e stanno per partire con il piano di investimento. Peccato pero' che la Regione - alla vigilia della partenza - ha stornato i fondi verso assessorati improduttivi".

Il progetto Edimec prevede un centro di ricerca e innovazione che offra a tutte le imprese del distretto un servizio comune di progettazione, accompagnamento nel processo di innovazione, consulenza per la realizzazione dei prototipi. Le imprese inoltre sosterranno investimenti per l'innovazione dei propri processi produttivi delle proprie infrastrutture aziendali, mezzi ecologici, in risparmio energetico e per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Le aziende di Edimec sono state raggruppate infine in sei sottogruppi che produrranno - in maniera innovativa - distributori automatici (merende, snack, bevande), impianti da fonti rinnovabili di taglia domestica (solare a concentrazione o minieolico), impianti di telerilevamento (droni per il controllo di boschi, campi fotovoltaici, coste), ascensori ed elevatori industriali, software per elaborare immagini da attrezzature medicali (radiografie, ecografie). Interessate alle potenzialita' di sviluppo del distretto siciliano della Meccatronica, due aziende di Reggio Emilia: la ServIn e la Cavazzoni, hanno deciso di aderire al prossimo progetto: Siko, servizi integrati a chilometro zero. Con Siko il gruppo di aziende (18 in tutto per un investimento complessivo di circa tre milioni) si occupera' di realizzare e gestire a domicilio la ristrutturazione degli impianti a risparmio energetico. Edimec e' pronto per partire, ma la Regione, che aveva gia' deliberato il versamento dell'acconto iniziale di circa 5 milioni, ha congelato i pagamenti. "I fondi, con una manovra dal tipico sapore preelettorale, sono stati trasferiti a forestali e precari", conclude Confindustria. Lo sviluppo, insomma, puo' aspettare.