Fai di Impresasicilia la tua homepage                     

Crisi: Expo Training 2012, più formazione per uscire dal declino

01/11/2012

"La formazione manageriale costituisce per il Paese una delle poche vie d'uscita dalla terribile situazione in cui versa la nostra classe dirigente, e non solo quella politica: e' indispensabile tornare ai 'fondamentali' dell'etica degli affari, rivalorizzare nel mondo industriale le competenze rispetto alla cultura delle ingerenze, della corruzione e della collusione che ci pongono in una posizione di estrema debolezza sul piano della competitivita' internazionale e, sotto il profilo dell'affidabilita' che costituisce il primo requisito per attrarre gli investimenti necessari per la nostra crescita". Cosi' Giovanni Bigazzi, Presidente di Federmanager Academy, a conclusione di Expo Training 2012 per promuovere la formazione aziendale.

Federmanager Academy, la societa' di formazione per le alte professionalita' espressione di Federmanager, ha creato un modello formativo che comprende , oltre alla education alle competenze allo "state of the art" del mondo globale attraverso la cooperazione ed il coinvolgimento delle maggiori personalita' internazionali del mondo industriale, quali Kaplan, De Bono, Holt, Fey, anche tutti i soft skill necessari per una gestione manageriale efficace, etica e fondata sul merito e sulla collaborazione.  

"Consci delle enormi difficolta' dovute a profondi gap culturali e di competenza della classe politica, sopratutto locale, nella gestione della cosa pubblica - ha dichiarato Bigazzi - stiamo lanciando in questi mesi un modulo formativo indirizzato agli 'elettivi' delle organizzazioni locali, come Comuni, Provincie e Regioni, per l'acquisizione dei basic fondamentali nel 'project management', mutuando le conoscenze del mondo dell'industria privata nella quale si sopravvive in virtu' del merito, delle conoscenze e delle capacita' personali, e non delle relazioni proprie o improprie che connotano un sistema in declino".

Expo Training e' per Federmanager un'opportunita' per presentare le proprie competenze e potenzialita' al pubblico. In tale ambito Academy ha tenuto due workshop; il primo dal titolo "Lavorare con Schumacher, Agnelli e Valentino Rossi: come il manager puo' essere un leader". Luigi Mazzola ha portato la propria esperienza vissuta con leader eccellenti ponendo l'attenzione proprio sugli aspetti necessari per diventare un leader vincente: avere la visione della strada verso cui guidare il team, capendo come relazionarsi efficacemente con i collaboratori, quale strategia di comunicazione mettere in atto, come motivare il team. Secondo Mazzola infatti il vero salto nella leadership si fa quando si acquisisce consapevolezza del fatto che si devono prendere decisioni sulle soluzioni create dai collaboratori, in definitiva la vera essenza del leader competitivo e' "riuscire a vedere l'isola che non c'e'".  

Il secondo workshop dal titolo "L'Italia, un Paese affamato di competitivita' che disperde competenze. E' un problema di sistema? Qual e' il ruolo della bilateralita'?" ha voluto fare il punto sul ruolo della formazione e non solo. Ne hanno discusso insieme a Giovanni Bigazzi, Romano Ambrogi Presidente Aldai, Giovanni Carugati Presidente Fondo Dirigenti Pmi, Renato Cuselli Presidente Fondirigenti e Presidente Associazione Management Club, Stefano Cuzzilla Presidente Fasi - Fasi Gsr, Bruno Villani Presidente Praesidium, Eliana Grossi Vice Presidente Idi.