Fai di Impresasicilia la tua homepage                     

Pmi innovative, sono 22 dopo 4 mesi: 6 le milionarie, nessuna siciliana

03/08/2015

Aumenta il numero di piccole e medie imprese che può godere di alcune delle agevolazioni previste per le startup innovative. Sono presenti su tutto il territorio nazionale (5 in Lombardia). Due delle undici aziende con più di 10 addetti danno lavoro a oltre 50 persone. Sono operative in vari settori, dall'Ict alla meccanica fino al biotech.
 
A ben vedere, sono le aziende che hanno sempre rappresentato il dna dell’innovazione made in Italy. Imprese italiane medie e piccole che puntano su ricerca e sviluppo per proporre prodotti e servizi all’avanguardia.
 
Dal 24 marzo, con l’approvazione della legge Investment Compact, sono conosciute, in presenza di determinati requisiti, come Pmi innovative e hanno accesso a molte delle agevolazioni previste per le startup innovative.
 
Il 27 luglio, a circa quattro mesi dalla legge che ha previsto questa nuova categoria di imprese, sono 22 le società iscritte nel Registro speciale delle Camere di commercio. Su un bacino potenziale di 7-10 mila aziende, come stimato dal Ministero per lo Sviluppo economico, per ora è ancora un numero molto limitato. Ma di certo è presto per i giudizi: molte Pmi ancora non conoscono questa nuova opportunità e l’attività di comunicazione è appena cominciata.
 
Qualche osservazione però già si può fare. Le 22 piccole e medie imprese che possono fregiarsi del titolo di “innovative” sono suddivise piuttosto equamente in tutta la Penisola: in Lombardia, capofila, ce ne sono cinque; in Friuli Venezia Giulia, quattro; due in Emilia-Romagna, Marche e Toscana; una in Abruzzo, Lazio, Liguria, Piemonte, Puglia, Sardegna e Valle d’Aosta. Nessuna di queste è siciliana, un dato che deve far riflettere.
 
Le aziende che hanno un fatturato superiore al milione di euro sono sei. Di queste, tre hanno un volume di produzione superiore ai due milioni di euro. Anche in termini occupazionali, i riscontri sono significativi: due aziende impiegano più di 50 addetti, 5 più di 20 e 4 più di 10.
 
fonte: economyup.it