Fai di Impresasicilia la tua homepage                     

PMI: il rating di legalità arriva sul Registro delle Imprese

19/06/2017

Dal prossimo autunno un grande cambiamento colpirà il Registro delle Imprese: affianco ai nomi delle piccole e medie aziende compariranno le stelline del rating della legalità, riconoscimento rilasciato dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Il rating della legalità è un indicatore del comportamento etico dell’azienda e in alcuni casi può servire per ottenere finanziamenti e l’accesso al credito bancario.
 
Cosa è il rating della legalità
 
Il rating della legalità è stato introdotto nel 2012 e ha il compito di promuovere un comportamento etico da parte delle imprese. Grazie all’accordo tra Infocamere e l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato tutte le aziende avranno sulle visure estratte dal Registro delle Imprese il proprio rating di legalità. Le aziende che vogliono essere giudicate per ottenere le stelline dovranno passare il vaglio dell’Antitrust. Il rating della legalità permette di dimostrare l’attenzione di una piccola e media impresa verso il proprio business e il rispetto delle “regole del gioco”. Per ottenere “le stelline” è necessario che l’impresa negli ultimi due anni abbia avuto un fatturato superiore ai due milioni di euro. Quando un’azienda ottiene il riconoscimento lo deve rinnovare ogni due anni e può perderlo nel caso in cui non siano più rispettati i requisiti minimi.
 
Come funziona il rating della legalità
 
A seconda delle dichiarazioni della piccola e media impresa e analizzando i database della pubblica amministrazione, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato può assegnare alle aziende un minimo di una stella fino a un massimo di tre stelle. In ogni momento l’Antitrust può decidere di togliere delle stellette se l’azienda non ha più i requisiti adatti.
 
Quante aziende hanno il rating della legalità
 
Nonostante sia un indicatore abbastanza importante, il numero di aziende che ha richiesto il rating della legalità sono davvero poche: solamente 3460, di cui il 90% PMI. Oltre il 50% si trova al Nord tra Emilia-Romagna e Lombardia.
 
Con la novità dell’aggiunta del rating della legalità all’interno del Registro delle Imprese, saranno sempre di più le aziende che faranno richiesta all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato di essere valutate per ottenere le “stelline”.