Fai di Impresasicilia la tua homepage                     

Commercio, nominato il commissario straordinario del comitato amministrativo del fondo del commercio.

02/09/2011

Giuseppe Giudice, dirigente dell'assessorato regionale alle Attivita' produttive, e' stato nominato commissario straordinario del Comitato amministrativo del Fondo del commercio.

Lo stabilisce il decreto firmato dal presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, su proposta dell'assessore regionale alle Attivita' Produttive, Marco Venturi.

''Con la nomina del commissario straordinario del Fondo per il commercio - afferma l'assessore regionale alle Attivita' Produttive, Marco Venturi - si sbloccheranno risorse e interventi economici molto attesi da tutto il tessuto economico e produttivo, soprattutto delle piccole e medie imprese siciliane''. IL commissario restera' in carica fino alla ricostituzione del Comitato amministrativo e comunque per un massimo di 3 mesi.

Giudice, 51 anni, attualmente dirige il Servizio Commercio dell'assessorato regionale Attivita' Produttive dove, dal 2007 ha rivestito la carica di dirigente del Servizio promozione sviluppo industriale, occupandosi, tra l'altro, di credito alle imprese sui fondi regionali a gestione separata presso l'Istituto Regionale per il Finanziamento alle Industrie in Sicilia (Irfis).

Le risorse disponibili del fondo gestito da Banca Nuova ammontano a circa cinquanta milioni di euro, di cui 30 destinati ad aiuti agli investimenti (art. 60) e 20 ai contributi in conto interesse (art. 63). Il fondo non opera dal 12 maggio e quasi 200 pratiche attendono di essere istruite.

''La nomina del commissario straordinario garantira' lo sblocco dell'iter amministrativo poiche' si potranno istruire le pratiche giacenti avviando poi le delibere di autorizzazione. Questo era un provvedimento molto atteso dal mondo produttivo siciliano se si pensa che - conclude Venturi - nel solo ambito relativo al contributo in conto interessi dovrebbe movimentare investimenti privati per circa 300 mln di euro''.


Nunzio Ciarcià